Corruzione grammaticale

CorruZZione grammaticale su “La Repubblica” di Milano.

Annunci

L'ex assessore era accusato di corruzzione, turbativa d'asta e truffa per un giro di tangenti sulla promozione TV del turismo.

L’hanno corrotto con una zeta extra.

Mariuoli

Berlusconi e i nuovi mariuoli.

Dal Corriere di oggi:

«Bisogna far capire che si tratta di singoli casi di corruzione, di singole persone che sbagliano, non di un sistema generalizzato come quello di Tangentopoli»

Il rischio infine che, si è sfogato il premier in una delle sue tante telefonate di ieri, «casi di corruzione spicciola, di piccole volpi colte a rubare nel pollaio» facciano perdere consensi anche «a me che non ho mai rubato una lira»

Dalla voce “Bettino Craxi” (Wikipedia):

Il 17 febbraio 1992, l’ingegnere Mario Chiesa, esponente del PSI, già assessore del comune di Milano con l’ambizione alla poltrona di sindaco, viene arrestato in flagrante per aver intascato una tangente da una ditta di pulizie. Craxi al TG3 del 3 marzo, a un mese dalle elezioni politiche, commenterà sostenendo che «una delle vittime di questa storia sono proprio io… Mi trovo davanti a un mariuolo che getta un’ombra su tutta l’immagine di un partito che a Milano, in 50 anni, non ha mai avuto un amministratore condannato per reati gravi contro la pubblica amministrazione».

Protezione Civile S.p.A.: l'appello di Repubblica

Appello di Repubblica sul decreto per la Protezione Civile S.p.A.

Fermate il decreto
sulla Protezione Civile spa
e diteci la verità

Rafforziamo la Protezione Civile che costituisce una risorsa del paese di fronte a disastri e calamità, ma fermiamo gli abusi dalla legge che generano corruzione e favoritismi. Una pratica che danneggia anche il mercato. Ritorniamo nella legalità. Davanti a questo scandalo l’Italia ha bisogno di trasparenza e verità, non di segreti e deroghe dalla legge.

Nel momento in cui scrivo, sono state raccolte 38707 firme, tra cui la mia.

Ecco quali sono i risultati della “politica dell’emergenza”: ignorando tutte le procedure burocratiche e i controlli, in nome dell’urgenza, si dà spazio alla corruzione e allo scambio tra appalti, mazzette e favori sessuali.

Sono evidenti i motivi che spingono i politici alla riabilitazione di Bottino Bettino Craxi: ciò che si vuole riabilitare è in verità la corruzione!