Guida essenziale alle elezioni scolastiche per studenti

Lo studente ha diritto alla partecipazione attiva e responsabile alla vita della scuola.
(Statuto degli Studenti, art. 2, comma 4)

In che cosa consiste la rappresentanza degli studenti nei Consigli di Classe e nel Consiglio di Istituto? Cosa sono questi organi e come funzionano? Spesso molti studenti non sono consapevoli degli strumenti e dei diritti che gli permettono di intervenire sulla vita della scuola. Ecco una breve introduzione, che non pretende affatto di essere esaustiva.

Consiglio di Istituto

Il Consiglio d’Istituto è l’organo collegiale della scuola che riunisce i rappresentanti di tutte le componenti della scuola. Nelle scuole con più di 500 studenti come la nostra, esso è composto da 19 membri:

  • Preside o Dirigente Scolastico (membro di diritto)
  • 8 insegnanti
  • 4 genitori
  • 4 studenti
  • 2 ATA

Il Consiglio di Istituto prende la maggior parte delle decisioni sulla gestione finanziaria della scuola, decide sull’utilizzo di locali della scuola, adotta il Regolamento d’Istituto e il POF, autorizza le gite, finanzia i corsi di recupero e sostegno, delibera sulle attività extrascolastiche e integrative (corsi di lingua, cogestione, ECDL, ecc.), decide il calendario dell’anno scolastico e molto altro.

È fondamentale che i rappresentanti degli studenti esercitino uno stretto controllo sulle attività esercitate dal Consiglio di Istituto (specie quelle finanziarie!). È anche la sede dove portare le richieste e le proposte dagli studenti per farle approvare dalla scuola. Gli studenti minorenni non possono però votare sulle questioni economiche.

Qualunque studente può assistere (senza diritto di parola) alle sedute del Consiglio di Istituto, che di norma sono convocate con frequenza mensile; le convocazioni sono pubblicate sul sito della scuola. In questo modo tutti possono controllare l’operato dei propri rappresentanti. Le convocazioni, le delibere e i verbali del Consiglio di Istituto sono pubblicati, per regolamento, all’Albo d’Istituto e sul sito web della scuola.

Al di là delle funzioni attribuite loro per legge, i rappresentanti degli studenti svolgono in maniera informale altre mansioni. Rappresentano gli studenti nei confronti del Preside e della scuola intera; coordinano gli studenti e i rappresentanti di classe, convocano i Comitati degli studenti (riunioni dei rappresentanti di classe e di istituto), fungono da punto di riferimento e qualche volta portano gli studenti in manifestazione.

Le elezioni per il Consiglio di Istituto

Gli studenti rappresentanti in Consiglio di Istituto si rinnovano annualmente, al contrario delle altre componenti che si rinnovano ogni tre anni. Le elezioni si svolgeranno il 15 ottobre 2011. Le modalità del voto saranno comunicate dal DS con sua circolare. Prima delle elezioni si terrà un’assemblea generale degli studenti in cui i candidati si confronteranno sui programmi.

I candidati per il Consiglio di Istituto si organizzano in liste. Ogni lista può includere da 1 a 8 candidati; gli eletti saranno in tutto 4. Sulle schede elettorali sono stampati i nomi delle liste e dei relativi candidati. Si può votare così:

  1. Crocettando la lista prescelta e fino a due preferenze per i candidati di quella lista. Se l’elettore esprime preferenze per candidati di lista diversa da quella prescelta, vale il voto di lista e non le preferenze.
  2. Crocettando solo la lista.
  3. Crocettando fino a due preferenze per i candidati di una sola lista. Il voto verrà esteso anche alla lista relativa.
  4. Lasciando la scheda bianca.

Non si deve né firmare né scrivere alcunché sulla scheda elettorale, che deve essere vidimata dal segretario del seggio elettorale. Il voto è segreto, anonimo ed eguale. Ogni scritta o segno di riconoscimento sulla scheda invaliderà il voto. È consigliabile munirsi di documento d’identità.

I 4 seggi disponibili sono assegnati alle liste secondo il metodo d’Hondt o dei divisori (che non verrà qui trattato) e i seggi di ogni lista sono ripartiti tra i candidati di ciascuna lista in ordine di preferenza.

In caso di parità del numero di voti di preferenze tra due o più candidati della stessa lista, sono proclamati eletti i candidati secondo l’ordine di collocazione nella lista; lo stesso criterio si osserva nel caso in cui i candidati non abbiano ottenuto alcun voto di preferenza.

Consiglio di Classe

Il Consiglio di Classe riunisce tutti gli insegnanti della classe, il Preside, due genitori e due studenti rappresentanti eletti dalle rispettive componenti. Le riunioni del Consiglio di Classe sono presiedute dal Preside o da un docente da lui delegato.

Il Consiglio di Classe si può riunire in forma aperta (tutte le componenti) o chiusa (solo insegnanti e Preside). I Consigli di Classe aperti si svolgono due o tre volte all’anno e trattano della situazione didattica e disciplinare della classe, delle gite, degli eventuali provvedimenti disciplinari e dell’adozione dei libri di testo per l’anno successivo. È l’occasione per discutere con gli insegnanti dei problemi della classe e delle richieste sollevate dagli studenti.

I rappresentanti di classe, oltre alle funzioni attribuite loro per legge, svolgono altri compiti in maniera informale: curano le relazioni con gli insegnanti e coordinano gli studenti della classe. Possono convocare un’assemblea di classe al mese per un massimo di due ore. Per una trattazione completa delle assemblee di classe, spesso fonte di accesi diverbi tra studenti e prof., si veda la mia guida completa.

Le elezioni per il Consiglio di Classe

I due studenti rappresentanti nel Consiglio di Classe sono eletti annualmente. Per i rappresentanti di classe non esistono candidature formali, per cui le schede non riportano i nomi dei candidati.

Per votare bisogna scrivere sulla scheda solo il nome e il cognome dello studente o della studentessa che si intende votare. Si esprime una sola preferenza. Vincono i due studenti della classe che ottengono più voti; nell’ipotesi in cui due o più alunni riportino, ai fini dell’elezione dei consigli di classe, lo stesso numero di voti, si procede, ai fini della proclamazione, per sorteggio.

Fonti normative

Sebbene abbia posto ogni cura nella redazione della presente guida, declino ogni responsabilità per errori od omissioni. In caso di dubbio, è senz’altro opportuno riferirsi direttamente alla normativa citata.

Annunci

Autore: pietrodn

Sono nato nel 1993 e studio Ingegneria Informatica al Politecnico di Milano. Amo leggere, programmare, costruire cose. Nella mia vita sono stato un Wikipediano e ho fatto parte del Consiglio di Istituto della mia scuola che è il Liceo Scientifico "Albert Einstein" di Milano. I miei interessi spaziano dall'informatica nelle sue diverse espressioni fino alla politica universitaria e a tutte le cose che possono definirsi geek.

1 thought on “Guida essenziale alle elezioni scolastiche per studenti”

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...