Trololo: evoluzione di un meme

Storia di un meme: il Trololo di Eduard Khil.

Tutto nacque da un brano del baritono russo Eduard Khil, nato nel 1934 a Smolensk. Il brano, del 1966, è intitolato Sono felice, perché sto finalmente ritornando a casa, e originariamente cantava di un cowboy che era felice di tornare alla propria fattoria.

Evidentemente il tema non fu dei più graditi dal regime russo, perché il testo venne censurato (come affermato dallo stesso Khil) e sostituito con degli armonici gorgheggi.

Trollface
Trollface, un celebre meme. Problem?

Nel febbraio 2010 apparve il sito del Trololo, che trasformò questo brano in un meme del web. Il sito ricevette più di 3 milioni di visite nel primo mese: la diffusione del fenomeno fu esplosiva. Eduard Khil è ora conosciuto anche sotto il nome di “Trololo guy”.

Ma cos’è un meme? Secondo Wikipedia, esso sarebbe una riconoscibile entità di informazione relativa alla cultura umana che è replicabile da una mente o un supporto simbolico di memoria, per esempio un libro, ad un’altra mente o supporto. Nella fattispecie, è un pezzettino di informazione che si diffonde in modo virale sul web attraverso gli strumenti di condivisione e i social network. Il meme ha avuto una discreta diffusione a livello internazionale. In Italia ad esempio ne ha parlato Sky.

L’idea fondamentale è stata quello di unire l’onomatopea “Trololo” al già esistente meme di Trollface e affini.

Anche la celebre serie TV i Griffin ha mostrato una propria interpretazione del brano, in cui Eduard Khil è un cameriere russo.

Autore: pietrodn

Sono nato nel 1993 e studio Ingegneria Informatica al Politecnico di Milano. Amo leggere, programmare, costruire cose. Nella mia vita sono stato un Wikipediano e ho fatto parte del Consiglio di Istituto della mia scuola che è il Liceo Scientifico "Albert Einstein" di Milano. I miei interessi spaziano dall'informatica nelle sue diverse espressioni fino alla politica universitaria e a tutte le cose che possono definirsi geek.

2 thoughts on “Trololo: evoluzione di un meme”

  1. Una bella intuizione, effettivamente la definizione di meme e’ calzante per questo tipo di fenomeni…altrimenti difficilmente spiegabili secondo una teoria coerente! A tale proposito, le pagine Facebook che raccolgono ‘fans’ sono spesso codificazioni di un ‘meme’ che si e’ propagato attraverso i mezzi di informazione.

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...