Niente distributori di preservativi? Scrivo all’USR!

Email inviata da me il 17 aprile 2011 alle autorità scolastiche competenti perché facciano rispettare la delibera del Consiglio di Istituto che prevede l’installazione dei distributori di preservativi ed assorbenti nei bagni della scuola.

Advertisements

Email inviata da me il 17 aprile 2011 alle autorità scolastiche competenti perché facciano rispettare la delibera del Consiglio di Istituto che prevede l’installazione dei distributori di preservativi ed assorbenti nei bagni della scuola.

Oggetto: Mancata esecuzione di una delibera del Consiglio di Istituto

Al Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
All’Ufficio Scolastico Regionale della Lombardia
All’Ufficio Scolastico Provinciale di Milano

e, per conoscenza,

al Dirigente Scolastico del Liceo Scientifico “Albert Einstein” di Milano
al Consiglio di Istituto del Liceo Scientifico “Albert Einstein” di Milano

Salve,

sono Pietro De Nicolao, studente di quarta del Liceo Scientifico Statale “Albert Einstein” di Milano (codice meccanografico: MIPS01000G), membro del Consiglio di Istituto.

Desidero segnalarvi la mancata esecuzione di una delibera del Consiglio di Istituto da parte del Dirigente Scolastico, prof. Edgardo Pansoni.

Ecco i fatti:

  1. I rappresentanti degli studenti in Consiglio di Istituto propongono al Consiglio di Istituto l’installazione in comodato d’uso gratuito, senza oneri per la scuola, di alcuni distributori di preservativi ed assorbenti nell’ambito dell’iniziativa di prevenzione proposta da LILA e ScuolaZoo [1].
  2. Il Consiglio di Istituto, in data 25 maggio 2010, approva «la proposta di installare 3 distributori di preservativi e assorbenti al 1°, 2° e 3° piano del Liceo» con 10 favorevoli e 4 contrari, tra cui il DS. [2]
  3. «Il Ds dichiara che, nel caso la proposta della LILA venga approvata dal CdI, sospenderà l’esecuzione della delibera fino a quando non avrà acquisito il parere dell’avvocatura dello Stato ovvero fino a quando non avrà ottenuto l’autorizzazione da parte dei competenti organi superiori» [2]
  4. Il DS, in data 7 ottobre 2010, acquisisce il parere dell’Ufficio Legale dell’USR Lombardia, a firma del Direttore Generale, Giuseppe Colosio. Esso afferma, tra l’altro, che «la determinazione assunta dal Consiglio d’Istituto non parrebbe contraria a disposizioni sostanziali e procedimentali talché possa ritenersi palesemente illegittima» e che essa è stata «assunta dall’Organo collegiale nell’ambito delle sue proprie competenze e nell’esercizio delle facoltà allo stesso attribuite dalla vigente normativa» [3].
  5. In data 8 febbraio 2011 il Collegio dei Docenti esprime parere contrario sulla proposta [4].

Ed ecco la mia posizione:

Non essendo la delibera illegittima, essa è evidentemente legittima. Non solo: la delibera, oltre ad essere legittima, rientra pienamente nelle competenze del Consiglio di Istituto. Dunque gli eventuali pareri degli altri Organi Collegiali sono da ritenersi, appunto, pareri non vincolanti, che non pregiudicano la validità della delibera.

Da questi elementi risulta in modo chiaro che la delibera non contrasta con alcuna disposizione normativa vigente e che dunque è esecutiva.

Purtroppo, anche a seguito di numerose e ripetute richieste e discussioni in Consiglio di Istituto, il Dirigente Scolastico, immotivatamente, non ha mai provveduto all’esecuzione della delibera.

È mia preoccupazione far sì che le delibere legittimamente assunte dal Consiglio di Istituto siano eseguite, per rispetto formale e sostanziale delle prerogative del Consiglio come istituzione. Infatti, se il Dirigente Scolastico si arrogasse un inesistente “diritto di veto” sulle delibere del Consiglio, non solo verrebbe a mancare quell’elemento essenziale in ogni sistema democratico che è la correttezza reciproca tra le diverse istituzioni, ma questo costituirebbe un grave precedente, perché le competenze e i poteri del Consiglio sarebbero di fatto svuotati.

Infine ritengo che ignorare una decisione democratica e legittima della maggioranza costituisca un messaggio altamente diseducativo e distruttivo nei confronti degli studenti sia come membri attivi della comunità scolastica, sia come cittadini.

Vi chiedo cortesemente di intervenire affinché la legittima delibera del Consiglio di Istituto, ormai “vecchia” di più di 10 mesi, venga rispettata.

Ringraziandovi per la cortese attenzione, vi porgo
distinti saluti.

[1] http://www.lila.it/doc/iniziative/scheda%20progetto%20distributore%20di%20sicurezza.pdf
[2] http://www.liceoeinsteinmilano.it/pages2/varie/delibereconsigliodiistitutoa.s.2009.10.25.05.2010.pdf
[3] http://www.liceoeinsteinmilano.it/pages2/varie/verbali27genn2011e9febbr2011.pdf (punto 5)
[4] http://www.liceoeinsteinmilano.it/circolari1011/248allCollegio_8_febbraio_2011.23.02.11.pdf

Autore: pietrodn

Sono nato nel 1993 e studio Ingegneria Informatica al Politecnico di Milano. Amo leggere, programmare, costruire cose. Nella mia vita sono stato un Wikipediano e ho fatto parte del Consiglio di Istituto della mia scuola che è il Liceo Scientifico "Albert Einstein" di Milano. I miei interessi spaziano dall'informatica nelle sue diverse espressioni fino alla politica universitaria e a tutte le cose che possono definirsi geek.

2 thoughts on “Niente distributori di preservativi? Scrivo all’USR!”

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...