Contributo volontario di 120€: precisazioni

Il contributo scolastico di 120€ è VOLONTARIO, checché ne dica la circolare sulle iscrizioni.

Advertisements

Avevo già scritto un articolo sul contributo volontario e su quanto fosse importante per il buon funzionamento della scuola, sperando che la situazione fosse ormai risolta. Ma per la sesta volta (dopo gli anni 2006, 2007, 2008, 2009, 2010) anche nel 2011 (circolare n. 228 del 10 febbraio 2011) il Liceo Scientifico “Albert Einstein” di Milano continua a richiedere un contributo di 120€ alle famiglie senza specificare che esso è volontario, in sprezzo delle indicazioni ministeriali e ad una delibera del Consiglio di Istituto del 10 febbraio 2010, caldeggiata dagli studenti.

In verità la scuola può richiedere obbligatoriamente una quota per coprire le spese sostenute direttamente dagli studenti. Ciò però non trova riscontro nei documenti ufficiali della scuola; tale quota informalmente si quantifica in 20€, ma in mancanza di indicazioni l’intero importo è da intendersi come volontario.

La delibera del Consiglio di Istituto è molto esplicita e non passibile di fantasiose interpretazioni:

Delibera n. 25: Contributo volontario iscrizioni a.s. 2010/2011
Tale contributo ammonta a Euro 120. Si precisa che la sua volontarietà dovrà essere esplicitata specificando che, alla fine di ogni esercizio finanziario, saranno rese note alle famiglie le spese coperte con tali contributi. Viene ribadito altresì che tali contributi sono destinati specificamente all’arricchimento dell’offerta formativa, all’innovazione tecnologica e al miglioramento dell’edilizia scolastica.
(Il Consiglio di Istituto approva all’unanimità)

Cosa dice invece la circolare sulle iscrizioni?

Il C.d.C. ha deliberato, nella seduta del 09/02 u.s., di richiedere un contributo di € 120,00 da versare sul c/c n. 22136204 (allegato) utile a supportare le spese per: il rinnovo dell’assicurazione contro gli infortuni e la R.C., l’acquisto di materiale didattico ad uso dei laboratori esistenti, le spese di funzionamento.

La circolare presenta innanzitutto un errore: non è possibile spendere i contributi volontari per le spese di funzionamento, ma solo per l’arricchimento dell’offerta culturale e formativa degli alunni. Omette poi di dire che tale contributo è da intendersi su base volontaria. La cosa positiva è che sul sito abbiamo pubblicato come vengono spesi i contributi degli studenti.

Lo stesso Giovanni Biondi, uno degli alti dirigenti del Ministero dell’Istruzione, afferma che è illegittimo che una scuola chieda un contributo obbligatorio alle famiglie. Il contributo non è da confondersi con le tasse scolastiche che sono invece obbligatorie e vengono versate direttamente allo Stato.

Mi mobiliterò perché venga data applicazione alla delibera del Consiglio (presa peraltro all’unanimità!) e sia dunque esplicitato che il contributo volontario è volontario.

Aggiornamento: il DS ha scritto una nuova circolare specificando la volontarietà di tale contributo: tutto OK!

Autore: pietrodn

Sono nato nel 1993 e studio Ingegneria Informatica al Politecnico di Milano. Amo leggere, programmare, costruire cose. Nella mia vita sono stato un Wikipediano e ho fatto parte del Consiglio di Istituto della mia scuola che è il Liceo Scientifico "Albert Einstein" di Milano. I miei interessi spaziano dall'informatica nelle sue diverse espressioni fino alla politica universitaria e a tutte le cose che possono definirsi geek.

9 thoughts on “Contributo volontario di 120€: precisazioni”

  1. Caro Pietro,
    la questione del contributo volontario – che poi tanto volontario non è visto che succede che alcune scuole non perfezionino le iscrizioni in assenza del relativo versamento – è annosa. Anch’io, in veste di genitore, ho sempre pagato malvolentieri tale somma pur sapendo che avrei potuto farne a meno. Da docente, però, comprendo bene che la scuola ha delle spese di gestione che spesso sono sottofinanziate dal ministero. Se pensi, ad esempio, alle fotocopie che non vengono pagate né dai docenti né dagli allievi (in alcuni casi, però, le fotocopie gratuite sono “contate” dopodiché gli allievi devono pagarsele)o a tutti quei servizi che la scuola offre senza chiedere nulla agli studenti (attività extrascolastiche, sportello d’ascolto …)capirai che senza quel contributo e con i fondi miseri di cui possiamo disporre le scuole non potrebbero funzionare.

    E’ giusto, comunque, che tu faccia notare la discrepanza tra quanto stabilito dal Consiglio d’Istituto e quanto scritto sulla circolare sulle iscrizioni.

    Ciao e buona domenica.

    1. Cara Marisa,
      essendo in Consiglio di Istituto so bene che le somme derivanti da tali contributi costituiscono una parte importante e purtroppo indispensabile delle nostre entrate.
      Tuttavia credo che, prima delle preoccupazioni finanziarie, la scuola debba preoccuparsi di essere completamente onesta e trasparente con i genitori: si può certamente richiedere un contributo, ma senza prendere in giro le famiglie.
      Per quanto riguarda le fotocopie, nella nostra scuola gli studenti le pagano da sé mediante apposite tesserine (3€ per 70 fotocopie). Vanno finanziate dunque quelle effettuate dai docenti a scopo didattico.
      Non mi sto arrabbiando per una questione di soldi (infatti so che ne abbiamo bisogno), ma per il fatto che una decisione unanime del Consiglio di Istituto sia stata bellamente ignorata.
      Buona domenica anche a te. 🙂

  2. Sulla trasparenza sono assolutamente d’accordo.

    Le fotocopie le pagate? Nel mio liceo ogni classe ha diritto a cinquecento fotocopie l’anno. Quelle in eccesso le pagano. Evidentemente qui sono più fortunati! 🙂 Comunque ho fatto solo degli esempi …

    1. L’anno scorso ad ogni studente veniva fornita una tesserina delle fotocopie gratis ad inizio anno (70 fotocopie per 20 studenti = 1400 fotocopie a classe, facendo un conto “spannometrico” pure al ribasso), però adesso non abbiamo più soldi neanche per questo.

  3. Ciao!
    c’è solo una cosa che non ho ben capito…
    Sò che i 120€ sono VOLONTARI ma mi è stato detto che il minimo da versare è di 20€, è vero?

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...